Il ritmo del Salento in giro per il Mondo

La vera tradizione salentina, tanta passione, fantasia e una cura maniacale per i dettagli.

E’ questa la ricetta per la realizzazione del perfetto tamburello. Siamo a Torrepaduli (frazione di Ruffano), regno della Pizzica e del Tamburello.

Rocco Luca ci racconta la sua storia, dapprima di suonatore e poi di artigiano dei tamburelli. Tamburelli che da una bottega nel cuore del Salento sono arrivati in tutto il Mondo, fino alle vetrine d’alta moda delle boutique di Dolce & Gabbana.

Nome: Frisullo Rocco (Rocco Luca)

Attività: Artigiano, costruttore di tamburelli

Sito web: www.iltamburelloditorrepaduli.it

Il tuo progetto è…. Descrivilo in 3 righe: Valorizzare il tamburello tipico salentino e nello stesso tempo creare tamburelli innovativi.

Quali sono gli elementi di innovazione del tuo progetto? Rivedere il tamburello non solo come strumento tradizionale, ma crearlo come strumento di varie tipologie.  Quali legati alla tradizione? Costruire un tamburello tradizionale con le sue misure, altezze e tipologia di legno che lo caratterizzano.

Da dove nasce l’idea di portare avanti un’arte antica? E’ nata da quando ho iniziato a suonarlo nel mio gruppo : tamburellisti di Torrepaduli, nel 1989. Alla fine del concerto le persone mi chiedevano dove acquistarli e così mi è venuta l’idea di costruirli per venderli e non solo per me.

Qual era il tuo sogno nel cassetto da bambino?  Ne avevo tanti, uno di quelli era vendere patatine al mare 🙂 ! Visto che lavoravo sempre in campagna, pensavo che lavorare al mare fosse divertente!

Oggi qual è il tuo ruolo in azienda? Titolare

Quali sono le principali difficoltà che hai trovato nel tuo lavoro? Le trovo tuttora: combattere con chi li costruisce “in nero”.

I tuoi tamburelli sono arrivati fino alle vetrine di Dolce e Gabbana (in collaborazione con Giromari)…. Raccontaci qualcosa di quest’esperienza:  Sono stato contattato da un’azienda che era incaricata di allestire le vetrine di Dolce e Gabbana, ho fatto i campioni, sono piaciuti e mi hanno scelto!

Un consiglio per chi vorrebbe investire nel Salento:  Io consiglio di non seguire la massa, ma di prendere una strada secondaria e valorizzare quello che si incontra.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *